mani che si stringono

Buone notizie dall’Europa: 3,75 miliardi di fondo alle PMI

L’Europa crede nell’Italia. O almeno, nella sua crescita.

È questa l’idea che ha portato il Fondo Europeo – FEI – per gli Investimenti a stanziare un finanziamento di 3,75 miliardi di euro a favore delle piccole e medie imprese italiane – PMI – . La notizia arriva direttamente dal comunicato dell’Unione, che in collaborazione con la Cassa Depositi e Prestiti – CDP – permetterà a molte aziende italiane di beneficiare di prestiti fino a 150.000 euro con scadenza oltre i 12 mesi. Nel corso dei prossimi due anni, l’iniziativa sarà rivolta a oltre 65.000 PMI che, grazie al sistema di controgaranzia, beneficeranno di circa 5,8 miliardi di euro in nuovi finanziamenti per il debito, attivando nuovi investimenti per un importo complessivo stimato di 8 miliardi di euro. Questa è la seconda iniziativa lanciata a favore del Fondo di garanzia per le PMI, con il sostegno dello strumento di garanzia dei prestiti COSME. Insieme, rappresentano il più grande progetto mai realizzato con il sostegno del programma dell’UE in un singolo paese.

Una piattaforma condivisa

Attraverso la prima iniziativa di garanzia a favore del Fondo di garanzia per le PMI italiano, lanciato da CDP nel 2017, oltre 47.000 PMI hanno ricevuto, in poco più di 18 mesi, prestiti per 4,1 miliardi di euro, originando nuovi investimenti per un importo stimato di circa € 5,7 miliardi. Questo accordo rientra nella “Piattaforma di condivisione del rischio per le PMI” strutturata da CDP insieme al FEI, che è supportata dal Fondo europeo per gli investimenti strategici nell’ambito del piano di investimenti per l’Europa. “L’iniziativa” ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Mediocredito Centrale, Bernardo Mattarella, “fa parte di un più ampio programma di azioni che Mediocredito Centrale, attraverso lo sviluppo di specifiche partnership, realizza per aumentare le risorse finanziarie disponibili per il Fondo di garanzia, e quindi per aumentare il numero di piccole e medie imprese che vengono aiutate attraverso esso, con conseguente facilitazione dell’accesso al credito. C’è ancora spazio significativo per la crescita nell’uso della garanzia pubblica, quindi è sempre essenziale trovare nuove opportunità per il Fondo per le PMI “.

Gli attori coinvolti

Il piano di investimenti per l’Europa è una delle priorità chiave della Commissione europea. Ha lo scopo di mobilitare gli investimenti per creare posti di lavoro e crescita facendo un uso più intelligente delle risorse finanziarie, rimuovendo gli ostacoli agli investimenti e fornendo visibilità e assistenza tecnica ai progetti di investimento. Il Fondo europeo per gli investimenti strategici – FEIS – è il pilastro centrale del piano Juncker e fornisce garanzie di prima perdita, il che significa che la Banca Europea per gli Investimenti – BEI – è in grado di investire in più progetti che sono spesso associati a un rischio più elevato. Si prevede che i progetti e gli accordi approvati per il finanziamento del FEIS dovrebbero mobilitare quasi 424 miliardi di euro di investimenti, di cui 66,6 miliardi di euro in Italia, e sostenere 967.000 PMI nei 28 paesi dell’UE. Un bel volume di denaro a sostegno della piccola e media economia. Che porterà una ventata di aria fresca nel panorama italiano.

– DISCOVER THE REGTECH COMPANY –

Tags:
, , ,