smart working

Smart Working: oneri e onori

Una vita di impegni

La vita di tutti i giorni è sempre più frenetica: tra impegni, famiglia, lavoro, e formazione, il bilanciamento tra tempo libero e vita lavorativa sembra essere sempre più difficile da trovare. Questo porta a conseguenze spiacevoli, sia per il lavoratore che per l’azienda stessa; lo stress lavoro-correlato è infatti uno dei principali fattori del calo di produttività della società, così come l’insoddisfazione lavorativa dei proprio dipendenti. NIKE Group ha a cuore il benessere dell’azienda, ma soprattutto dei suoi dipendenti. Per questo da marzo di quest’anno abbiamo introdotto per la maggior parte delle nostre posizione lavorative la possibilità dello smart working, uno strumento in grado di aumentare la produttività aziendale, a patto di usufruirne in maniera corretta.

SW: cos’è e cosa non è

Ma cos’è in concreto e come funziona? Partiamo subito dicendo che è uno strumento la cui fruizione deve portare a due fattori principali: il miglioramento della work-life balance e della produttività aziendale. Inoltre, esso è un mezzo diverso per arrivare, però allo stesso fine, ossia una buona produzione lavorativa. È importante capire esattamente quali pro e quali contro porta in seno, per non incappare in errori di valutazione. Non va visto, ad esempio, come un semplice benefit elargito gratuitamente, nè come un diritto acquisito. Non è obbligatorio, e non è una forma diversa di contratto. Qualora inoltre rappresentasse un ostacolo alla produttività aziendale, lo smart working potrebbe venire meno.

I nostri requirements

Esistono ovviamente dei requisiti secondi i quali è possibile o meno aderire allo smart working, che vengono ben definiti dall’azienda prima di essere resi legge. In primis, ognuno deve promuovere un’accettazione responsabile del progetto, prendendo l’impegno a lavorare secondo i giusti canoni, sfruttando le giuste pause e cumulando le corrette ore lavorative. Il lavoratore deve inoltre avere uno spazio consono dove esercitare la propria professione, con una connessione Internet adeguata. Inoltre, deve aver completato il corso di formazione della sicurezza sul lavoro, fondamentale per tutti i lavoratori, oltre ad aver concordato con chi di dovere le proprie mansioni e i tempi in cui queste andranno svolte

Quello in cui crediamo

Nike Group è attenta alle esigenze dei suoi dipendenti: per questo lo smart working non è che uno dei molti tasselli che compongono il nostro welfare aziendale, che comprende la fruizione dei premi, i corsi di formazione, il Family Day e molte altre componenti che rendono la work and life balance all’interno di NIKE una realtà concreta. Perché un dipendente felice non è solo un dipendente produttivo. Per noi, è motivo di orgoglio.

– DISCOVER THE REGTECH COMPANY –